Calabria Camping
Calabria Camping Calabria Camping Calabria Camping Genial s.r.l.  
Calabria Camping
Calabria Camping
Home
CARTINA E STRADARIO
Calabria
dettagli >>
MENU'
Elenco strutture ricerrive CAMPEGGI
Itinerari da scoprire ITINERARI
Photo gallery PHOTO GALLERY
Tropea TROPEA
Aspromonte ASPROMONTE
PROVINCE
CATANZARO CATANZARO
COSENZA COSENZA
CROTONE CROTONE
REGGIO CALABRIA REGGIO CALABRIA
VIBO VALENTIA VIBO VALENTIA
PROVINCIA DI VIBO VALENTIA
La Provincia di Vibo Valentia è una provincia della Calabria di quasi 170 mila abitanti. Affacciata ad ovest sul Mar Tirreno, confina a nord-est con la Provincia di Catanzaro, a sud-est con la Provincia di Reggio Calabria. La provincia è stata costituita il 6 marzo del 1992, da una ripartizione del territorio precedentemente incluso nella provincia di Catanzaro (da cui ha avuto origine anche la Provincia di Crotone). L'ente è divenuto operativo nel 1995, quando si sono tenute le prime elezioni per il Consiglio provinciale. Fino ad allora era stato retto, come previsto dalla legge, da un commissario.
Storia
In principio fu un centro appartenente ai Bruzi che la denominarono Veip (che significa "Golfo"), in seguito, fu colonia greca con il nome di Hipponion (trasformazione greca del bruzio "Veip", cioè "posta sul Golfo"). Nel 192 a.C. i romani vi insediarono due colonie: una sul mare chiamata "Vibona", e l'altra in collina, chiamata Valentia. Successivamente, in epoca imperiale, Vibo Valentia fu il nome utilizzato per indicare le due città. I bizantini provvidero a fortificarla ma i saraceni, verso il X secolo, la distrussero; Federico II di Svevia la ricostruì e ne cambiò il nome in Monteleone di Calabria.
Già al tempo dei Greci prima e dei Romani poi, eletta Municipio, conobbe una sua centralità strategica e politica, tanto che ebbe l'onore di ospitare Giulio Cesare, Ottaviano e Cicerone, che la ricorda nelle sue lettere. La costruzione della Via Popilia interessò la città che divenne un'importante stazione. La ricchezza di legname, fornito dall'entroterra, favorirà il sorgere presso il porto di industrie navali. Il Porto di Vibona infatti era il principale scalo di partenza, sul Tirreno, del legname della Silva Bruttia per la costruzione delle navi del potente esercito romano. La colonia collinare si meritò il nome di Valentia grazie alle eroiche gesta dei propri abitanti nella partecipazione alle Guerre Puniche. Fu una delle prime sedi episcopali, che Ruggero il Normanno trasferì nella sua Mileto. Nell'ottocento i Francesi la elevarono a capoluogo della Calabria Ultra e da allora fino a pochi decenni addietro fiorirono tanti mestieri, il cui ricordo è nel nome di strade (Via Forgiari, via Chitarrari, via Argentaria, ecc.) e di istituzioni come il Real Collegio Vibonese (l'ancora esistente Convitto Filangieri e il teatro Comunale, demolito negli anni 60).
Sotto il Fascismo, per opera di Luigi Razza, giornalista, politico, deputato al Parlamento e Ministro dei Lavori Pubblici, si avviò un grande rilancio nel campo dei lavori pubblici, tra cui spicca la costruzione del Palazzo del Municipio (finito di costruire nel 1935 e che, secondo il progetto iniziale, avrebbe dovuto accogliere, al termine, la Prefettura della costituenda provincia) in stile fascista.
Per iniziativa dello stesso Razza, nel 1927 un regio decreto ispirato dal governo fascista ribattezzò la città da Monteleone di Calabria a, secondo la dizione latina, Vibo Valentia. La spinta edilizia pubblica nella città ebbe un deciso arresto quando il ministro Razza scomparve in un incidente aereo in Egitto nel 1935. La città ha voluto successivamente onorarne la memoria con una statua bronzea, a figura intera, scolpita da F. Longo nel 1938 e personalmente inaugurata da Benito Mussolini nel 1939 durante la sua visita alla città, la quale si erge in Piazza San Leoluca su un alto piedistallo, sormontato da una stele recante in cima l'effigie marmorea della Vittoria alata. Un'altra effigie gli è stata riservata nel Palazzo del Municipio, a lui intitolato.
A Luigi Razza la città ha inoltre intitolato il proprio Aeroporto Militare, Lo Stadio, una Piazza e una via del Centro Storico. Nel 1993 con la realizzazione di un solenne monumento, la città ha inteso onorare la memoria di un altro suo illustre figlio, Michele Morelli, grande patriota e martire del risorgimento. Nel corso degli anni 90, su iniziativa del Kiwanis Club della Città, Vibo Valentia dedica una Piazza e un busto bronzeo al suo più importante poeta: Vincenzo Ammirà. Il 3 Luglio 2006 viene duramente colpita da una alluvione che provoca la morte di 4 cittadini ed ingenti danni economici all'industria, al turismo ed ai beni dei privati. I danni maggiori si registrano nelle località di Longobardi, Vibo Marina e Bivona, investite da un'enorme e inverosimile quantità di acqua mista a fango e detriti. Non si esclude che la cattiva gestione dei canali di deflusso delle acque e l'abusivismo edilizio abbiano avuto un ruolo importante nella conta finale dei danni.
(Questo articolo è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto dalla voce di Wikipedia: "Vibo Valentia".)
camping.it
camping-italy.net
campeggiando.it
campeggi-villaggi.it
adv.camping.it
Italiacampeggi.com

 
Campeggi e Villaggi Turistici in Italia - Camping.it
 
Campeggi e Villaggi Turistici in Italia.
 
Campeggi e Villaggi Turistici in Italia.

 
Calabria Camping
Calabria Camping
   
Calabria Camping
Villaggi e campeggi in Calabria developed by GeniaL S.r.l.
Copyright (1996-2017)
Genial s.r.l. Via Roma 318 - 64014 Martinsicuro (Te) - P.I. 00980800676
Valid XHTML 1.0 Transitional